Casual bystander

Casual bystander

Mercoledì 6 luglio 2016, ore 21.00

Compagnia Salvo Lombardo

Teatro Il Maggiore, Verbania Intra

Danza contemporanea

Ingresso 10 euro

Casual bystanders si fonda sulla riconfigurazione coreografica di un corpus di gesti “non straordinari” ricavati dai frammenti cinetici, gestuali e verbali dedotti da Salvo Lombardo dalla relazione con i passanti in spazi pubblici tra il 2014 e il 2015; le loro posture, i loro gesti, l’andamento ritmico del loro movimento, frammenti sonori e porzioni di discorsi sono il centro di tale processo.

Le azioni di raccolta di queste informazioni fisiche, nel loro contesto urbano, sono state finalizzate all’elaborazione dal vero di un certo numero di frammenti motori e gestuali archiviati attraverso il corpo e poi trascritti in forma di enunciati su dei taccuini, numerati progressivamente, per essere rielaborati successivamente in forma coreografica; dal procedimento mimetico alla trasfigurazione del gesto semplice; tra le rovine del movimento, nel sedimento di qualcosa che è già-stato, per esperire un corpo-presente.

I contesti in cui hanno avuto luogo la serie di azioni preliminari e di raccolta sono stati i più disparati: piazze, strade, esercizi commerciali, biblioteche, musei, spazi espositivi, stadio, stazioni ferroviarie e metropolitane. Parallelamente si è accumulato anche un archivio sonoro ricavato da registrazioni ambientali e campionature sia in ambienti urbani che naturali.

Questi frammenti vengono adesso ricomposti e sovrapposti a parti del brano Petite symphonie intuitive pour un paysage de printemps del compositore Luc Ferrari che nel 1973-74 crea questo componimento a partire da “suoni fissati” durante una scalata sull’altopiano Causse Méjean.

Casual bystanders è un progetto avviato nel 2014 che, oltre alla creazione della performance omonima, ha portato alla realizzazione di un ciclo di azioni urbane e workshop nonché alla creazione di B-Side, una percorso di installazioni interattive che affianca l’intero progetto a partire dalla documentazione in molte delle sue fasi di creazione.

 

Ideazione, coreografia e regia Salvo Lombardo

Con Lucia Cammalleri, Daria Greco, Salvo Lombardo

Musica di Luc Ferrari

Sovrapposizioni sonore Salvo Lombardo

Disegno del suono Fabrizio Alviti

Video e luci Luca Brinchi e Maria Elena Fusacchia

Coproduzione Fabbrica Europa, CapoTrave/Kilowatt, Festival Oriente Occidente, Progetto Goldstein, Pierfrancesco Pisani

Con il sostegno diAnghiari Dance Hub; Inteatro Festival; DiD Studio/Danae Festival; Teatro Spazio Electa/ACS Abruzzo; Villaggio d’Artista; Verdecoprente Residenze; Centro di Palmetta; [Non] Museo.

Salvo Lombardo

Classe 1986 è performer, coreografo e regista, ha studiato filologia moderna all’Università di Catania e Discipline dello spettacolo all’Università La Sapienza di Roma.

Nel 2009 si diploma alla Scuola d’Arte drammatica del Teatro stabile di Catania; Negli anni collabora con numerosi artisti del panorama italiano e internazionale e approfondisce gli interstizi tra il teatro, la danza e le arti visive. Dal 2012 al 2015 è cofondatore della compagnia Clinica Mammut.

All’attività performativa affianca quella didattica; ha condotto workshop per l’Istituto Europeo del Design di Roma, per il Festival Teatro al Castello di Roddi, il Teatro Stabile di Catania e Indaco Art Camp di Cesena.

I suoi lavori, tra spettacoli, azioni urbane e site-specific, sono ospitati in vari festival e teatri italiani.

Con Casual Bystanders è coreografo residente per Anghiari Dance Hub; il progetto è vincitore del bando CiD Cantieri_Oriente\Occidente, e del bando di mobilità all’estero Movin’Up.